Di cosa parliamo quando parliamo di progresso?

 

 

 

 

 

Sabato 13 ottobre alle 17.30 presso Le Scalze, alla Salita Pontecorvo 65, riprende, dopo la pausa estiva, il ciclo di Conversazioni filosofiche per tutti, “Vieni a prendere un tè alle Scalze”, organizzato dal Forum Tarsia e dal Coordinamento Le Scalze.
Il primo incontro autunnale avrà come tema “Di cosa parliamo quando parliamo di progresso?”.
Sorseggiando una tazza di tè cercheremo di analizzare una delle parole centrali del nostro lessico quotidiano.  Come scrive il filosofo austriaco Ludwig Wittgenstein:  “La nostra civiltà è caratterizzata dalla parola Progresso. Il progresso è la sua forma, non una delle sue proprietà….”.  Eppure mai concetto, tanto importante, in quanto costitutivo dell’essenza stessa della modernità, è apparso al tempo stesso tanto controverso, oggetto privilegiato di continue puntualizzazioni critiche che ne hanno messo in evidenza impietosamente le aporie e le ambivalenze.  Nella storia della cultura occidentale, ogni movimento orientato verso un futuro che si suppone migliore del suo punto di partenza, è sempre stato accompagnato da una controspinta, da un ripiegamento nostalgico verso il passato, verso un mondo perduto che va irrimediabilmente dileguandosi. Come ha scritto Jacques Bouveresse “c’è sempre nel progresso qualcosa che avanza e insieme retrocede, e anche chi si sente in dovere di credere nel progresso non riesce mai a decidere davvero se ciò che prevale sia l’avanzamento o l’arretramento”.  


La domanda che cercheremo di porci nel corso dell’incontro è se esista realmente qualcosa che possa definirsi progresso. Soprattutto dopo il secolo di Auschwitz e Hiroshima, dei massacri di massa e delle pulizie etniche, della devastazione ambientale e dell’esaurimento delle risorse del pianeta. E se esiste veramente qualcosa che procede verso una direzione migliore, in cosa consiste tale miglioramento? Si tratta di un mero accrescimento quantitativo o piuttosto di un mutamento qualitativo? E ancora: a chi può essere ascritto tale progresso? Al singolo individuo, alla società, a una nazione in particolare o all’umanità intera? Infine: può essere considerato progresso quello che oggi appare una semplice accelerazione e velocizzazione delle operazioni del vivere quotidiano determinate dallo sviluppo della Tecnica?